Meccanismo dell’azione neuroprotettiva degli i-MAO-B

Gli inibitori delle monoamino ossidasi B (i-MAO B), in particolare la selegilina (L-deprenyl) sono usati da molti anni nel trattamento della malattia di Parkinson, in virtú della loro inibizione irreversibibe dell’enzima responsabile della metabolizzazione della dopamina e della feniletilenamina. Di conseguenza, le concentrazioni di queste monoamine aumentano a livello del corpo striato, con attivazione dei recettori dopaminergici. Accanto a questa nota attività farmacologica, possiedono proprietà antiossidanti ed esercitano attività che non possono essere spiegata dalla sola azione inibitoria sulle MAO-B…

continua a leggere…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...