La Bromelina

La bromelina (o bromelaina) è un estratto del gambo dell’ananas, che contiene vari enzimi proteolitici, solo parzialmente caratterizzati dal punto di vista biochimico. La bromelina (Ananase, Rottapharm) è diffusamente utilizzata in terapia medica sin dagli anni ’50.

Alla bromelina sono attribuite numerose proprietà terapeutiche, quali:

  • azione digestiva, utile nelle sindromi dispeptiche.
  • azione antinfiammatoria e antiedematosa mediata dall’attività inibitoria verso alcuni composti proinfiammatori. Questa azione dipende in parte dall’attività proteolitica della bromelina, ma anche da altre azioni. Ad esempio, mentre i classici FANS inibiscono la ciclossigenasi, bloccando la sintesi di prostaglandine, la Bromelina incrementa la produzione di prostaglandine ad attività antiinfiammatoria a discapito di quelle ad attività pro-infiammatoria. Questo meccanismo d’azione della bromelina è sinergico con quello dei FANS, di cui ne potenzia degli effetti antiinfiammatori.
  • potenziamento degli antibiotici dovuto all’aumento della permeabilità dei tessuti malati così da permettere ai farmaci di raggiungere più facilmente il sito d’infezione.
  • azione anti-ustioni/ulcere; applicata superficialmente (35% di bromelina in un composto grasso) può essere benefica necontrollo delle bruciature e nell’accelerazione dei tempi di guarigione, mediante un’azione cheratolitica e di eliminazione dei lembi di pelle morta in prossimità di ulcere ed ustioni.
  • proprietà antitumorali, in differenti tipi di patologie neoplastiche, come trattamento adiuvante, per la sua attività anti-proliferativa e anti-metastatica. La bromeline agisce da immunomodulatore aumentando l’azione immunocitotossica dei monociti inducendo un aumento della produzione di citochine quali TNF-alfa, IL-1beta, IL-6 e IL-8.

Ma quanto attribuito alla bromelina corrisponde alla realtà?

Il principale dubbio sull’efficacia terapeutica della bromelina è legato all”assorbimento gastroenterico di una struttura proteica complessa come un enzima proteolitico, da molti ritenuto impossibile. In realtà questo dubbio sembrerebbe superato. Infatti è stato dimostrato che l‘assorbimento di Bromelina dopo somministrazione orale è intorno al 40%, suggerendo la presenza di un sistema di trasporto attivo. L’emivita plasmatica è di 6-9 ore.

Inoltre, gli enzimi proteolitici possono essere inattivati dalle cistatine (cysteine protease inhibitors), presenti nella saliva, ma la Bromelina sembrerebbe restistente a tale inattivazione, ed è comunque formulata in compresse rivestite gastroresistenti .

Come riportato in una recente Cochrane review, nonostante il grande numero di ricerche condotte sulla bromelina, esistono soltanto pochi studi clinici controllati randomizzati a sostegno delle attività terapeutiche proposte. In particolare, non esistono evidenze di efficacia nei trials comparativi con i FANS.

In conclusione, la bromelina può essere utile quando associata ad antinfiammatori e/o antibiotici, per potenziarne l’attività terapeutica. Da sola, non sembrerebbe in grado di offrire un sufficiente effetto antinfiamamtorio. Soprattutto è assolutamente inefficace per ridurre i corpi mobili intravitreali, come ottimisticamente proposto da qualche oculista, in quanto le sue dimensioni molecolari non offrono neanche la minima possibilità di attraversare la membrana emato-oculare e di esplicare nel corpo vitreo il suo effetto proteolitico.

Annunci

3 pensieri su “La Bromelina”

  1. Salve, esistono studi clinici nei quali la bromelina è utilizzata in forma di collirio???
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...