Tossicità dei conservanti tradizionali: il benzalconio cloruro

Benzalkonium_chloride

Precisato che la garanzia di sterilità è un requisito imprescindibile per i prodotti oftalmici, rimane il problema che i conservanti tradizionali determinano marcati effetti tossici sulla superficie oculare.

Inizierò per primo a parlare del benzalconio cloruro (BAK), il conservante più utilizzato in oftalmologia.

Continua a leggere...

Advertisements

16 pensieri su “Tossicità dei conservanti tradizionali: il benzalconio cloruro”

  1. Cara Valeria,
    Si, clorexidina e benzalconio, così come altri ammoni quaternari, possono determinare broncospasmo e crisi asmatiche, come diffusamente riportato in letteratura. Se la reazione allergica è clinicamente importante, deve assolutamente evitare l’esposizione all’allergene. Le suggeriamo, però, di consultare un esperto di medicina del lavoro per verificare quale siano i suoi diritti e come tutelare la sua salute nel modo migliore.

  2. ….Lavoro in ospedale e di recente ho scoperto di essere allergica al benzalconio cloruro e alla clorexidina;è possibile sapere se oltre alla dermatite possono causarmi problemi per via inalatoria? Vorrei inoltre informazioni su come potrei tutelarmi poichè al momento non è prevista la sostituzione di tali disinfettanti…grazie Valeria

  3. Caro Luca,
    escludo, assolutamente, che l’esposizione a vapori di benzalconio possa provocare un distacco retinico, mentre può determinare problemi allergici e/o tossici/irritativi a carico della superficie oculare e delle mucose in genere, in misura dipendente dalla quantità e dalla durata dell’esposizione.
    Inoltre, il benzalconio inalato può indurre irritazioni a carico dell’apparato respiratorio con broncocostrizione (attacchi di asma) e reazioni anafilattiche.

  4. Potrebbe tale sostanza, utilizzata per preparazioni farmaceutiche, vaporizzata su becker e altri appositi contenitori, messi su fornelli accesi e privi di adeguati sistemi di aspirazione causare nel corso di alcuni anni di utilizzo, problemi di distacco di retina e altre problematiche da voi descritte?

  5. DOTT.Roberto, la ringrazio per le risposte chiare, hanno fugato i miei dubbi.L’informazione sui betabloccanti era riferita all’eventualità che i colliri da me usati potessero creare problemi e quindi essere sostituiti.Complimenti per l’eccellenza del suo “lavoro”Anna.

  6. Cara Anna,
    Rispondo velocemente alle sue due domande:
    1) il benzalconio cloruro non viene assorbito dalle mucose e non induce tachicardia né disturbi tiroidei.
    2) Travatan e Alphagan non sono commercializzati in formulazioni non conservate.
    Da come mi ha posto le domande, non capisco cosa c’entrino i betabloccanti. Se ha bisogno di ulteriori chiarimenti sono sua disposizione

  7. Il benzalconio cloruro può dare tachicardie e problemi alla tiroide?
    Sono in terapia con Travatan ed Alphagan per il glaucoma ad angolo aperto.Esistono in commercio questi colliri in confezione monodose senza Benzalconio ? Non posso usare betabloccanti.Grazie per una qualsiasi risposta.Anna

  8. Ma delle caratteristiche peculiari della molecola loteprednololo etabonaato (principio attivo del Lotemax) non era il caso di analizzarle relative a questa indicazione?

  9. Cara Franca, ci dispiace, ma non abbiamo ricevuto alcun quesito. Dobbiamo inoltre precisare che è nostra prassi pubblicare le risposte come commenti, al fine di arricchire le discussioni ai relativi articoli. Se desidera un contatto diretto in privato deve contattarci attraverso il network Linked In

  10. vi prego di avvisarmi via email di qualche risposta riguardo il quesito mandatovi un minuto fa’

  11. Per ora Cloradex non è disponibile in formulazione monodose. Probabilmente lo sarà tra alcuni mesi. Il mio consiglio è di continuare per adesso con Luxazone (il benzalconio facilita il passaggio del corticosteroide attraverso la cornea, rendendolo più efficace per la sua patologia), a meno che non avverta particolari disturbi di intolleranza al conservante: in tal caso può ricorrere ad uno dei prodotti monodose che ho citato in precedenza.

  12. Grazie per la risposta Dottore,effettivamente mi e’ stato prescritto proprio il Luxazone per Ipotonia;ma contiene benzalconi cloruro;
    Il cloradex si trova anche in fialette monouso?
    Grazie per la sua risposta.
    Cordiali saluti

  13. Caro Roberto,
    il desametasone base è disponibile solo in formulazioni conservate multidose, mentre esistono tre prodotti che contengono desametasone-21 fosfato formulati in monodose, senza conservante
    Questi sono: NETILDEX – 0.1% (contiene anche un antibiotico); ETACORTILEN – 0.15%; DEXAMONO – 0.1%
    Mi permetto di precisarle che se il trattamento a lungo termine è stato prescritto per un’uveite o per ipotonia oculare, è preferibile impiegare desametasone base anziché 21 fosfato, in quanto penetra meglio all’interno dell’occhio, ed alla massima concentrazione del commercio (0.2%), reperibile nei prodotti LUXAZONE e CLORADEX.

  14. Buonasera Dottore,
    mi e’ stato prescritto del collirio desametasone per un trattamento di lungo periodo(non ho ritenuto opportuno nominare il farmaco a meno che non sia necessario),Ne esiste un tipo che non abbia il benzakconio cloruro come conservante?
    Grazie per la Sua risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...