Farmacocinetica: la via sottocongiuntivale

L’iniezione, mediante siringhe con ago da insulina, di farmaci al di sotto della mucosa congiuntivale consente di sfruttare l’assorbimento trans-sclerale. Ovviamente, la cinetica varia in funzione delle caratteristiche chimicofisiche della singola molecola, ma in generale si ritiene che, oltrepassata la congiuntiva, la sclera è più permeabile della cornea, permette il passaggio di molecole di dimensioni maggiori (fino alle dimensioni delle proteine) e la loro penetrazione non dipende dal grado di lipofilia, come avviene invece per la penetrazione trans-corneale.sub-conj-route

E’ necessario precisare che  il raggiungimento della retina non è garantito, anzi, la corrente ematica tende a lavar via il famaco durante il suo passaggio nello spazio sovracoroideale e attraverso la coroide, mentre l’epitelio pigmentato rappresenta una barriera molto più impermeabile della sclera, soprattutto per le sostanze idrofile (vedi figura).

Poiché la quantità di farmaco somministrato è abbastanza elevata e l’assorbimento sistemico non trascurabile, l’insorgenza di reazioni avverse, soprattutto a seguito di iniezioni ripetute nel tempo, è un’evenienza da tenere in considerazione

In conclusione, la somministrazione sottocongiuntivale è utile per far giungere il farmaco nel corpo ciliare, nell’uvea e in camera anteriore, mentre non è una via efficiente per la somministrazione dei farmaci nella retina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...