Le caratteristiche chimiche degli ormoni steroidi

Struttura generale degli steroidi
Struttura generale degli steroidi

La farmacologia degli ormoni steroidi è tanto interessante quanto complessa, dal momento che influenzano molteplici funzioni fisiologiche tra loro estremamente differenti, dal metabolismo dei glucidi, alla differenziazione dei caratteri sessuali, dall’equilibrio idrosalino, alla gravidanza.

Cerchiamo di individuare nella loro struttura chimica quali sono le caratteristiche principali che li differenziano.

Prima di tutto classifichiamo gli steroidi. Esistono 4 principali gruppi:

  1. corticosteroidi glucoattivi : es. cortisolo
  2. corticosteroidi mineralattivi: es. aldosterone
  3. steroidi sessuali androgeni: es. testosterone
  4. steroidi sessuali estrogeni; es. estradiolo
  5. steroidi sessuali gestageni: es. progesterone
I principali ormoni steroidi
I principali ormoni steroidi

Occorre ricordare che esistono numerosi metaboliti intermedi con vari livelli di attività farmacologica che possono avere attività miste. La stessa distinzione è abbastanza artificiosa in quanto il cortisolo, il corticosteroide di riferimento per la valutazione della potenza antinfiammatoria, possiede anche attività mineralattive, mentre il progesterone ha una, seppur modesta, attività antinfiammatoria.

Nella struttura degli ormoni steroidei riconosciamo tre elementi distintivi a livello dei carboni 17, 18, 11 e 3 indicati nella figura in alto, rispettivamente come A, B, C e D

Prinicipali differenze strutturali
Prinicipali differenze strutturali

In sintesi, possiamo osservare che:

  • l’assenza di catene carboniose su C17 (A nella Figura) determinano l’attività a livello delle caratteristiche sessuali, mentre le catene C20-21 legate a C17 distinguono l’attività gluco-mineralattiva da quella pro-gestativa
  • il gruppo chetonico in C18 è importante per l’attività sodio-ritentiva
  • l’ossidrile in C11 (B nella Figura) è importante per l’attività antinfiammatoria
  • l’ossidrile in C3 determina l’attività a livello delle caratteristiche sessuali femminili.

In oftalmologia gli steroidi vengono impiegati principalmente per la gestione della flogosi, quindi le molecole utilizzate in terapia sono, di solito, derivati del cortisolo.

Senza dubbio è una estrema semplificazione, ma può essere utile per orientarsi meglio nella complessa farmacologia degli steroidi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...