La colina, un elemento nutritivo fondamentale per la funzione nervosa

Il sistema colinergico gioca un ruolo cruciale in molte funzioni nervose, dalla trasmissione neuromuscolare ai processi di apprendimento e di memoria (Blusztajn and Wurtman 1983). Neuroni colinergici sono presenti anche nella retina dove partecipa alla trasmissione dell’impulso nervoso ed interagisce con altri sistemi di neurotrasmissione.

I neuroni colinergici sono unici nell’utilizzazione della colina, che viene indirizzata verso due distinte vie metaboliche: la sintesi di fosfatidilcolina (PtdCho) e la sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina (Blusztajn and Wurtman 1983; Klein 2000). Queste due vie di sintesi competono per l’utilizzazione della colina disponibile, con la acetilazione favorita quando i neuroni sono fisiologicamente attivi (Wurtman 1992). Se le riserve di colina diventano scarse – per es, in condizioni di eccessivo rilascio di aminoacidi eccitotossici, quale è la situazione di un evento ischemico – si attiva il catabolismo dei fosfolipidi, soprattutto PtdCho, per garantire una fonte di colina per la sintesi del neurotrasmettitore.

Metabolismo della colina

E’ stato ampiamente dimostrato che il deficiente apporto dietetico con colina determina una perdita di PtdCho e sfingolipidi dalle membrane cellulari con conseguente induzione di apotposi (Yen et al. 1999), in parte indotta dall’eccesso di ceramide libera proveniente dal catabolismo della sfingomielina. La stessa riduzione di sintesi di PtdCho è sufficiente a causare la morte della cellula (Cui et al. 1996). La stimolazione del rilascio di acetilcolina determina una diminuzione dei fosfolipidi di membrana in particolare PtdCho, che può essere prevenuta dall’aggiunta di colina negli alimenti (Ulus et al. 1989). Questo indica che, per mantenere i processi di neurotrasmissione, la sintesi di acetilcolina è la tappa metabolica favorita e protetta, anche quando l’apporto di colina è limitato. Questo, però, avviene a spese dei fosfolipidi: in tal modo si instaura un meccanismo di “autocannibalismo” che se non interrotto porta alla morte dei neuroni (Wurtman 1992; Klein 2000). Occorre quindi tenere a mente che un adeguato apporto alimentare di colina è indispensabile per contrastare i processi catabolici a carico della PtdCho e quindi la morte dei neuroni.

Annunci

3 pensieri su “La colina, un elemento nutritivo fondamentale per la funzione nervosa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...